TEATRO PALLADIUM – Infiniti mondi

…non è un sol mondo,
una sola terra,
un solo sole…

Giordano Bruno

A valle di un’esperienza traumatica, in particolare per gli artisti e per il loro pubblico, il teatro come luogo di spettacolo, di cultura e di formazione ha oggi più che mai il compito di fare i conti con le molteplici manifestazioni del reale e degli immaginari, in un contesto che si trasforma più rapidamente di quanto tutti noi potessimo prevedere, generando il senso di qualcosa che sta per avvenire.

La stagione del Teatro Palladium proietta questa pluralità e questa condizione di attesa nel dialogo senza confini tra le diverse discipline artistiche. Infinite sono, infatti, le visioni che il teatro costruisce e propone al nostro sguardo, al nostro sentire, al nostro spirito.

L’ultimo orizzonte del sipario si alza così ancora una volta, offrendo ai nostri occhi l’occasione di scoprire, sognare, condividere nuovi mondi e nuove idee, per affrontare il presente e prepararci al futuro.

TEATRO PALLADIUM – Orbita

Orbita traccia una mappatura della scena contemporanea nazionale e internazionale disegnando una stagione danza articolata tra due palcoscenici: il Teatro Palladium e il Teatro Biblioteca Quarticciolo
Caricamento Eventi

Calibano o lo schiavo | Herencias – Scritture di memoria e identità

Piazza Bartolomeo Romano
15 Marzo h. 20:00 - 22:00
  • Questo evento è passato.

di Guillermo Heras

traduzione Paola Ambrosi

drammaturgia Simone Trecca

spazio sonoro a cura di Maddalena Pennacchia

A partire da alcuni dei personaggi di The Tempest, il drammaturgo e regista spagnolo Guillermo Heras propone al pubblico contemporaneo una riflessione sull’identità culturale, sull’emarginazione e sul concetto di schiavitù. La struttura drammaturgica è composta da alcuni frammenti della pièce di Shakespeare, intercalati da testi di altri autori e musiche originali. Tutto si svolge in uno spazio astratto (che può ricordare un’isola) e un tempo indefinito (perché la schiavitù non ha tempo).

con

Viola Carinci

Lorenzo Emanuele Ciambrelli

Gaetano Lizzio

Gianfranco Teodoro

 

regia Paolo Orlandelli

costumi Patrizia Moretti

 

musiche originali di Stefano Nencha, Stefano Nunzi e Madalena

voce Madalena

chitarra Stefano Nencha

basso Stefano Nunzi

 

Dopo lo spettacolo, l’autore converserà con i curatori dell’evento e risponderà alle domande del pubblico.

Ingresso libero su prenotazione (biglietteria.palladium@uniroma3.it).

Lo spettacolo sarà trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube della Fondazione Palladium.

 

L’evento fa parte della sezione “Intrecci identitari: Shakespeare reloaded” del programma di Herencias – scritture di memoria e identità

Coordinatore del progetto: Simone Trecca

Direzione artistica: Ferdinando Ceriani

Organizzazione: Francesca Leonetti, Susanna Nanni, Carlotta Paratore

Segreteria organizzativa: Amy Bernardi

Sezioni “Galles” e “Intrecci identitari: Shakespeare reloaded” co-curate da Maddalena Pennacchia

Herencias è realizzato grazie al sostegno del Programa para la Internacionalización de la Cultura Española (PICE) di Acción Cultural Española (AC/E).

Il progetto è patrocinato da: AITS21 (Asociación Internacional de Teatro del Siglo XXI), Seliten@t (Centro de Investigación de Semiótica Literaria Teatral y Nuevas Tecnologías), Oficina Cultural de la Embajada de EspañaEmbajada de la República Argentina e Instituto Cervantes de Roma.

Details

Date: 15 Marzo
Time: 20:00 - 22:00
Evento CategoryTeatro

Luogo

Venue Name: Teatro Palladium
Address: Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

+ Google Maps
Phone: +39 06 57332772