Caricamento Eventi

Prossimi Eventi

Find Eventi

Event Views Navigation

Ottobre 2021

21
Ottobre
giovedì
Festa del cinema-Crazy for Football – Matti per il calcio

Festa del cinema-Crazy for Football – Matti per il calcio

21 Ottobre h. 8:00 pm - 9:45 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Volfango De Biasi Con profonda simpatia e sincera gratitudine Italia, 2021, 112’ Cast Sergio Castellitto, Max Tortora, Antonia Truppo, M. Ghini Lo psichiatra Saverio Lulli preferisce incontrare i suoi pazienti sul campo di calcio, convinto che questo sport serva come terapia. Così organizza il primo mondiale di calcio a cinque per squadre formate da pazienti psichiatrici.

22
Ottobre
venerdì
Festa del cinema-No tenemos miedo

Festa del cinema-No tenemos miedo

22 Ottobre h. 8:00 pm - 9:10 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Manuele Franceschini Italia, 2021, 70’ Cast Daniel Muñoz, Marcelo Herrera, Brigadas De Salud 18 ottobre 2019, Santiago del Cile. Dopo decenni di malcontento, l’aumento del prezzo del trasporto pubblico scatena la ribellione popolare. Scene di guerriglia urbana attraversano le strade del Paese; la repressione della polizia cilena diventa brutale.

23
Ottobre
sabato
Flautissimo- Amore non amore

Flautissimo- Amore non amore

23 Ottobre h. 7:00 pm - 8:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

con Peppe Servillo e Franco Marcoaldi
alla chitarra Cristiano Califano
Amore non Amore è un omaggio spassionato al sentimento che tutti, in forme diverse, conosciamo e ricerchiamo. Un viaggio sorprendente nel sentimento amoroso con le poesie di Franco Marcoaldi e le canzoni del repertorio classico napoletano interpretate magistralmente da Peppe Servillo. Lo spettacolo è magico nel suo alternarsi tra parola e canzone, e i brani strumentali per chitarra acustica accrescono ulteriormente la sensazione di essere spettatori e attori di una meravigliosa e travolgente serenata.

24
Ottobre
domenica
Flautissimo-Concerto per Jack London

Flautissimo-Concerto per Jack London

24 Ottobre h. 6:00 pm - 7:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Melodramma jazz d’amore e pugilato
tratto da The game di Jack London
traduzione e adattamento Silvio Castiglioni
con Fabrizio Bosso, tromba;
Silvio Castiglioni, voce;
Luciano Biondini, fisarmonica
Concerto per Jack London è un omaggio al giornalista e scrittore statunitense più tradotto e più amato, padre di Zanna Bianca e del Richiamo della foresta, ma anche cercatore d’oro, pescatore di ostriche, vagabondo, attivista sociale e tanto altro, che divenne ricchissimo ed ebbe un enorme successo grazie ai suoi romanzi.
Lo spettacolo è tratto da The Game, un racconto di pugilato al ritmo del miglior cronista sportivo quale seppe essere, tra le tante altre cose, Jack London, e, insieme, una commovente e straziante storia d’amore. Sullo sfondo la colonna sonora duttile e sulfurea della tromba di Bosso, artista di caratura internazionale, accompagnato dalla voce di Silvio Castiglioni e da Luciano Biondini alla fisarmonica.

25
Ottobre
lunedì
Quo Vadis?

Quo Vadis?

25 Ottobre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Evento realizzato nell'ambito del progetto "Quo Vadis a Roma" finanziato dal Ministro della Cultura, del Patrimonio Nazionale e dello Sport della Republica di Polonia nel quadro del programma "Cultura ispiratrice", in collaborazione con l'Opera e Filarmonica di Podlasie e l'Istituto Polacco di Roma Nowowiejski: Oratorio "Quo vadis", proiezione video (estratto) Baird: Quattro Sonetti di Shakespeare Respighi: Antiche Arie e Danze, suite n.3, per orchestra d'archi Kilar: Valzer dal film "La terra promessa" di A. Wajda (trascrizione per orchestra d'archi A. Duczmal); Orawa,…

27
Ottobre
mercoledì
Festival Dantesco

Festival Dantesco

27 Ottobre h. 8:30 pm - 10:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

1° Festival Dantesco Universitario ‒ presentato dall’Associazione culturale Xenia e  coprodotto dalla Fondazione Roma Tre Teatro Palladium ‒ si terrà dal 22 al 27 ottobre 2021 Da venerdì 22 ottobre a martedì 26 ottobre 2021 in streamingvideo, sulcanale youtubee sui relativi profili social del Festival Dantesco Dopo 11 edizioni nazionali e 3 edizioni toscane, il Festival Dantesco si apre alla platea universitaria, proponendo unasei giorni dantescaconospiti,anteprime, curiositàe con l’ormai tradizionale Concorso performativo, che in questa occasione sarà sia teatrale, sia…

30
Ottobre
sabato
Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

30 Ottobre h. 4:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La città e il desiderio n.1

 Riccardo Ghiani e Sara Tenaglia

30
Ottobre
sabato
Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

30 Ottobre h. 6:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La città e il desiderio n.2

Julien Beaudiment e Mario Caroli

30
Ottobre
sabato
Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

30 Ottobre h. 9:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La città e il desiderio n.3

0 Philippe Bernold e Denis Bouriakov

31
Ottobre
domenica
Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

31 Ottobre h. 3:00 pm - 4:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La città e il desiderio n.4

Emmanuel Pahud e Silvia Careddu

31
Ottobre
domenica
Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

31 Ottobre h. 5:00 pm - 6:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La città e il desiderio n.5

Livia Duleba e Andrea Oliva

31
Ottobre
domenica
Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

Flautissimo-Concerto la città e il desiderio

31 Ottobre h. 7:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La città e il desiderio n.6

Matteo Evangelisti, Paolo Taballione e Silvia Viland

Novembre 2021

01
Novembre
lunedì
The Mozart Project

The Mozart Project

1 Novembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Leonardo Spinedi, violino

Lorenzo Rundo, viola

Roma Tre Orchestra

Sieva Borzak, direttore

Sinfonia Concertante per violino, viola e orchestra in mi bemolle maggiore K. 364
Sinfonia n. 40 in sol minore K. 550

03
Novembre
mercoledì
Vite in Musica

Vite in Musica

3 Novembre h. 6:00 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Progetto realizzato con il contributo del MiC Direzione generale cinema e audiovisivo, ideazione Luca Aversano ed Enrico Carocci

04
Novembre
giovedì
TVATT- TEORIE VIOLENTE APRIORISTICHE  TEMPORALI E TERRITORIALI

TVATT- TEORIE VIOLENTE APRIORISTICHE TEMPORALI E TERRITORIALI

4 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Uno spettacolo ideato da Luigi Morra, liberamente ispirato a “East” e “West” di Steven Berkoff

Con: Luigi Morra, Pasquale Passaretti, Eduardo Ricciardelli

Musiche originali: Camera

Luci e video: Domenico Catano

Elementi scenici: Stefano Zecchini

Drammaturgia e regia: Luigi Morra

TVATT è acronimo di Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali. TVATT, in una parte di Sud
Italia, è in realtà un modo per dire “ti picchio”, oppure, volendo azzardare una traduzione letteraria dal
dialetto, “ti batto”.
Lo spettacolo è una sorta di esperimento performativo, in gran parte comico e grottesco, su una precisa
tipologia di violenza: schiaffi, pugni, risse, sopraffazioni. Quella violenza primordiale, scovata nel quotidiano,
che spesso agisce come un’esperienza piena di significati, caratterizzata da dinamiche che, nel bene o nel
male, risultano essere inevitabilmente spettacolari.
L’arte di picchiarsi, tra la necessità di farlo e quella di saperlo fare, viene catapultata in una dimensione
teatrale.
Dialetto calcato, espressioni rituali, posture improbabili, episodi di vita, territorialità e appartenenza che
trasudano necessità di conflitto. Tutto diventa linguaggio possibile, per raccontare impulsi esistenziali legati
a principi non sempre comprensibili ma al tempo stesso curiosi e carichi di energia.

05
Novembre
venerdì
Un sogno in musica

Un sogno in musica

5 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Roma Tre Orchestra, diretta da Emanuele Stracchi
introduce il Maestro Yoram David
testi redatti dalle e dagli studenti del corso di laurea magistrale in Lingue e Letterature per la Didattica e la Traduzione del Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere
sotto la supervisione di Maddalena Pennacchia, Gilberto Sacerdoti e Michela Compagnoni
lettura scenica a cura di Ferdinando Ceriani, con studenti del Dipartimento e della compagnia teatrale universitaria Papeles en el tablado, e con la partecipazione di Sebastiano Gavasso

L’evento inaugura la I edizione del ciclo annuale Herencias – Scritture di memoria e identità,
nella sua sezione Intrecci identitari: Shakespeare reloaded
Coordinatore del progetto: Simone Trecca
Direzione artistica: Ferdinando Ceriani
Organizzazione: Francesca Leonetti, Susanna Nanni, Carlotta Paratore
Segreteria organizzativa: Amy Bernardi

Il Maestro Yoram David introduce il ‘trailer’ di un progetto dedicato alla musica di scena composta da Felix Mendelssohn per il Midsummer Night’s Dream di William Shakespeare. Un ensemble di cinque elementi della Roma Tre Orchestra diretta da Emanuele Stracchi, che curerà anche gli arrangiamenti per quintetto di alcuni estratti dell’opera. La musica si alternerà al racconto delle azioni più significative della famosa commedia shakespeariana, scritto dalle e dagli studenti del corso di laurea magistrale in Lingue e Letterature per la Didattica e la Traduzione del Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere (sotto la supervisione di Maddalena Pennacchia, Gilberto Sacerdoti e Michela Compagnoni) e interpretato dalle e dagli studenti del Dipartimento e della compagnia teatrale universitaria Papeles en el tablado, con la partecipazione di Sebastiano Gavasso (a cura di Ferdinando Ceriani).
Un progetto pilota che attende futuri sviluppi e un modo accattivante per portare al pubblico della comunità di Roma Tre e del quartiere Garbatella una storia musicata sulla magia e l’instabilità dell’amore giovane.

07
Novembre
domenica
Nuova Consonanza-Le ossa di cartesio

Nuova Consonanza-Le ossa di cartesio

7 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

opera in un atto e sei scene

prima esecuzione assoluta

libretto di Guido Barbieri, musica di Mauro Cardi

Franco Mazzi voce narrante

Valeria Matrosova soprano

Patrizia Polia soprano

Franco Benetti basso

Enrico Frattaroli mise en espace

Ensemble In Canto

Bruno Lombardi flauto e ottavino, Roberto Petrocchi clarinetto e clarinetto basso, Marco Venturi corno, Rodolfo Rossi, percussione, Gabriele Catalucci clavicembalo, Anna Chulkina violino, Gianluca Saggini viola, Michele Chiapperino violoncello, Franco Fraioli contrabbasso

Fabio Maestri, direttore

 una produzione Associazione In Canto/Nuova Consonanza

La morte di Cartesio, gli enigmi che la circondano, la storia del suo scheletro e del suo teschio, il suo Trattato delle Passioni sono gli ingredienti ideali per una sorta di “giallo seicentesco” di forte impatto drammaturgico. Il protagonista dell’opera è lo stesso Cartesio, affidato a una voce recitante, che, da morto, racconta ciò che gli è accaduto dopo il suo assassinio.

08
Novembre
lunedì
Franz Liszt incontra la musica del XX secolo

Franz Liszt incontra la musica del XX secolo

8 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

G. Mahler: Adagietto dalla Sinfonia n. 5 in do diesis
minore

A. Copland: Concerto per clarinetto e archi

F. Liszt: Malédiction per pianoforte e archi

F. Liszt: Rapsodia spagnola, nella versione per
pianoforte e archi

Maurizio D’Alessandro, clarinetto

Matteo Pomposelli, pianoforte

Sieva Borzak, direttore

10
Novembre
mercoledì
Vite in Musica

Vite in Musica

10 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

BIOPIC MUSICALI -Proiezioni e incontri Progetto realizzato con il contributo del MiC Direzione generale cinema e audiovisivo, ideazione Luca Aversano ed Enrico Carocci

11
Novembre
giovedì
Nuova consonanza-De musica

Nuova consonanza-De musica

11 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto conclusivo del workshop di composizione De Musica, la fabbrica della creatività

tenuto da Marcello Panni sul tema Igor Stravinskij, la musica popolare, ieri e oggi nel 50°
anniversario della morte

Marcello Panni (1940) da 16 Pop Songs (2013/2015) per sette esecutori

1. Tu scendi dalle stelle
2. Thaïs
3. Marechiare
4. Lascia ch’io pianga
5.O sole mio

Igor Stravinsky (1882-1971) Histoire du soldat (1919)

Suite da concerto per sette esecutori
1. Marcia del soldato
2. Arietta sul bordo del ruscello
3. Pastorale
4. Marcia reale
5. Piccolo concerto
6.Tre danze: Tango, Valzer, Ragtime
7. Danza del Diavolo
8. Corale
9. Marcia trionfale del Diavolo

Ensemble Roma Sinfonietta
Marcello Panni direttore

13
Novembre
sabato
Aundience Revolution – Fratto_X

Aundience Revolution – Fratto_X

13 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

di Flavia Mastrella Antonio Rezza

con Antonio Rezza e con Ivan Bellavista 

(mai) scritto da Antonio Rezza

habitat di Flavia Mastrella 

assistente alla creazione Massimo Camilli

luci Mattia Vigo

luci e tecnica Daria Grispino

organizzazione generale Marta Gagliardi

una produzione Rezza Mastrella La Fabbrica dell'Attore Teatro Vascello

14
Novembre
domenica
Nuova consonanza – La scoperta dell’America e altri sonetti

Nuova consonanza – La scoperta dell’America e altri sonetti

14 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Azione musicale per attore, clarinetto e pianoforte (2020) 

* prima esecuzione assoluta

testi di Cesare Pascarella (1858-1940), musica di Fabrizio de Rossi Re (1960)

con Massimo Wertmüller attore

Fabrizio de Rossi Re pianoforte

Fabio Battistelli clarinetto

Ah quell’omo! –je fecero – chi siete ?  Eh-fece-chi ho da esse? So’ un servaggio

in coproduzione con Fondazione Roma Tre – Teatro Palladium

Un classico della poesia romanesca reinventato in una chiave di teatro musicale innovativa e arguta, in cui la musica di Fabrizio de Rossi Re si interseca con la recitazione dell’attore Massimo Wertmüller, che è anche regista dello spettacolo. I sonetti di Pascarella sono rivisitati e reinventati secondo un percorso che accosta le sonorità di oggi al suono di una lingua antica e suggestiva. 

La produzione di Fabrizio De Rossi Re è da diversi anni caratterizzata da un’esplorazione aperta che accoglie e coniuga varie esperienze stilisticamente multiformi sempre in bilico tra una diretta comunicazione e l’eredità linguistica della sperimentazione.

15
Novembre
lunedì
Vite in Musica

Vite in Musica

15 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

BIOPIC MUSICALI -Proiezioni e incontri Progetto realizzato con il contributo del MiC Direzione generale cinema e audiovisivo, ideazione Luca Aversano ed Enrico Carocci

16
Novembre
martedì
Piano Gala

Piano Gala

16 Novembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Selezioni da celebri concerti per pianoforte e orchestra Vincitori del Premio Chopin Roma (XXX edizione)

Roma Tre Orchestra, 

direttore Pawel Gorajski

17
Novembre
mercoledì
Nuova consonanza – Arianna e il Minotauro

Nuova consonanza – Arianna e il Minotauro

17 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Melologo per voce recitante, soprano e ensemble 

musica di Silvia Colasanti

libretto di Giorgio Ferrara e René De Ceccatty 

Elio De Capitani voce recitante

Omo Bello soprano
Paris Mozart Orchestra

Claire Gibault direttore

Il mito di un mostro terrificante si trasforma, in questo melologo, in un dramma “umano”: alla forza del Minotauro non s’accompagnano il pensiero e la capacità di distinguere il bene dal male, la consapevolezza dei propri sentimenti, ma solo un sentire confuso e innocente, che fanno del mostro, del diverso, non un nemico, ma una vittima, un ingenuo condannato a vivere nel corpo di un essere mostruoso.

18
Novembre
giovedì
Destini incrociati

Destini incrociati

18 Novembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Rassegna nazionale di Teatro Carcere

a cura del Teatro Universitario Aenigma

e del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere

con il sostegno di MiC Ministero della Cultura / Direzione generale dello Spettacolo

con il Patrocinio di Ministero della Giustizia

e le collaborazioni di Università degli Studi Roma Tre

Associazione Nazionale Critici di Teatro (A.N.C.T.),AGITA Teatro

19
Novembre
venerdì
Destini incrociati

Destini incrociati

19 Novembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Rassegna nazionale di Teatro Carcere

a cura del Teatro Universitario Aenigma

e del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere

con il sostegno di MiC Ministero della Cultura / Direzione generale dello Spettacolo

con il Patrocinio di Ministero della Giustizia

e le collaborazioni di Università degli Studi Roma Tre

Associazione Nazionale Critici di Teatro (A.N.C.T.),AGITA Teatro

20
Novembre
sabato
Flautissimo- Django Reinhardt, Il fulmine a tre dita

Flautissimo- Django Reinhardt, Il fulmine a tre dita

20 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Voce recitante e chitarra solista Giorgio Tirabassi

chitarra ritmica Gianfranco Malorgio 

chitarra solista Moreno Viglione

contrabbasso Renato Gattone 

clarinetto Gian Piero Lo Piccolo

L’acclamato Giorgio Tirabassi porta sul palco la vita e le sonorità di Django Reinhardt, forse il più iconico chitarrista acustico della storia. Lo spettacolo, diviso in eguale misura tra musica e parola, è un encomio, un elogio e una prova di sconfinata stima: lo spettacolo, attraverso le note e la voce di Tirabassi, ha il potere di portarci indietro nel tempo e di farci vivere davvero quei brillantissimi anni.

21
Novembre
domenica
Flautissimo- Avion Travel

Flautissimo- Avion Travel

21 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Concerto La passione!

Gruppo storico della canzone d’autore italiana, il nome non ha bisogno di presentazioni. Nel 2020 dovevano esteggiare i loro 40 anni nel teatro dove hanno per la prima volta suonato a Roma, proprio al teatro Palladium: la pandemia ha rimandato tutto al 2021.

22
Novembre
lunedì
CineMaOltre – Palladium Film Festival

CineMaOltre – Palladium Film Festival

22 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

ideato e diretto  da Vito Zagarrio

23
Novembre
martedì
CineMaOltre – Palladium Film Festival

CineMaOltre – Palladium Film Festival

23 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

ideato e diretto  da Vito Zagarrio

24
Novembre
mercoledì
CineMaOltre – Palladium Film Festival

CineMaOltre – Palladium Film Festival

24 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

ideato e diretto  da Vito Zagarrio

25
Novembre
giovedì
CineMaOltre – Palladium Film Festival

CineMaOltre – Palladium Film Festival

25 Novembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

ideato e diretto  da Vito Zagarrio

27
Novembre
sabato
Flautissimo- La strada che va in città

Flautissimo- La strada che va in città

27 Novembre h. 6:00 pm - 28 Novembre h. 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

di Natalia Ginzburg
Regia di Iaia Forte
con Valentina Cervi
Lo spettacolo è la storia di una ragazza che sceglie di fare un matrimonio d'interesse, di prendere
la strada che va in città. Per poi accorgersi che il vero amore è altrove... Passioni senza via d'uscita,
vite alla deriva, anime alla ricerca di un approdo sicuro dove lenire le proprie delusioni: con
impetuoso realismo ma senza alcun giudizio morale l'autrice, in questo testo descrive la solitudine
di un'esistenza che nel gioco della memoria rievoca ciò che le è passato accanto come un mistero
incomprensibile e inafferrabile.

28
Novembre
domenica
Flautissimo- La strada che va in città

Flautissimo- La strada che va in città

28 Novembre h. 7:00 pm - 9:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

di Natalia Ginzburg
Regia di Iaia Forte
con Valentina Cervi
Lo spettacolo è la storia di una ragazza che sceglie di fare un matrimonio d'interesse, di prendere
la strada che va in città. Per poi accorgersi che il vero amore è altrove... Passioni senza via d'uscita,
vite alla deriva, anime alla ricerca di un approdo sicuro dove lenire le proprie delusioni: con
impetuoso realismo ma senza alcun giudizio morale l'autrice, in questo testo descrive la solitudine
di un'esistenza che nel gioco della memoria rievoca ciò che le è passato accanto come un mistero
incomprensibile e inafferrabile.

29
Novembre
lunedì
La prima scuola di Vienna

La prima scuola di Vienna

29 Novembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

F. J. Haydn: Ouverture da L’isola disabitata

Hob.XXVIII/9; Concerto per violoncello n.1 in do
maggiore Hob.VIIb/1

W. A. Mozart: Bella mia fiamma, addio – Resta, oh
cara, Recitativo e Aria per soprano e orchestra K.
528

Sinfonia n. 38 in re maggiore Praga K. 504

Sofia Pezzi, soprano

Bruno Weinmeister, violoncello e direzione

Dicembre 2021

01
Dicembre
mercoledì
Vite in Musica

Vite in Musica

1 Dicembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

BIOPIC MUSICALI -Proiezioni e incontri Progetto realizzato con il contributo del MiC Direzione generale cinema e audiovisivo, ideazione Luca Aversano ed Enrico Carocci

03
Dicembre
venerdì
Flautissimo- Sorella

Flautissimo- Sorella

3 Dicembre h. 9:00 pm - 11:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

di Marco Lodoli
Regia di Stefano Cioffi
con Anna Ferraioli Ravel, Antonio Monsellato, Giulia Bartolini e Alice Generali
Una maestra d'asilo e tredici bambini scatenati: Amaranta non sa bene come prenderli, quei piccoli diavoli pazzi di vita. E non sa neanche come prendere se stessa, visto che lei è una suora piena di dubbi, smarrita nei suoi pensieri. Ma uno di quei bambini la spinge all'improvviso verso il mondo, dandole dei compiti semplici e misteriosi, costringendola a rischiare. Perché forse la verità non si nasconde nell'alto dei cieli, ma nella gioiosa insensatezza della vita. La protagonista, sulle parole di Lodoli, attraversa con delicatezza i pensieri di una donna come tante, scissa nel suo intimo tra paura e volontà, tra ambire e fuggire, tra lo stare e il desiderio di una vita diversa. Un racconto impalpabile e terreno al tempo stesso, che accompagna il pubblico a porsi quelle domande un po' scomode che sono annidate dentro di noi.

04
Dicembre
sabato
Flautissimo- Sorella

Flautissimo- Sorella

4 Dicembre h. 7:00 pm - 9:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

di Marco Lodoli
Regia di Stefano Cioffi
con Anna Ferraioli Ravel, Antonio Monsellato, Giulia Bartolini e Alice Generali
Una maestra d'asilo e tredici bambini scatenati: Amaranta non sa bene come prenderli, quei piccoli diavoli pazzi di vita. E non sa neanche come prendere se stessa, visto che lei è una suora piena di dubbi, smarrita nei suoi pensieri. Ma uno di quei bambini la spinge all'improvviso verso il mondo, dandole dei compiti semplici e misteriosi, costringendola a rischiare. Perché forse la verità non si nasconde nell'alto dei cieli, ma nella gioiosa insensatezza della vita. La protagonista, sulle parole di Lodoli, attraversa con delicatezza i pensieri di una donna come tante, scissa nel suo intimo tra paura e volontà, tra ambire e fuggire, tra lo stare e il desiderio di una vita diversa. Un racconto impalpabile e terreno al tempo stesso, che accompagna il pubblico a porsi quelle domande un po' scomode che sono annidate dentro di noi.

05
Dicembre
domenica
Flautissimo- Sorella

Flautissimo- Sorella

5 Dicembre h. 6:00 pm - 8:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

di Marco Lodoli
Regia di Stefano Cioffi
con Anna Ferraioli Ravel, Antonio Monsellato, Giulia Bartolini e Alice Generali
Una maestra d'asilo e tredici bambini scatenati: Amaranta non sa bene come prenderli, quei piccoli diavoli pazzi di vita. E non sa neanche come prendere se stessa, visto che lei è una suora piena di dubbi, smarrita nei suoi pensieri. Ma uno di quei bambini la spinge all'improvviso verso il mondo, dandole dei compiti semplici e misteriosi, costringendola a rischiare. Perché forse la verità non si nasconde nell'alto dei cieli, ma nella gioiosa insensatezza della vita. La protagonista, sulle parole di Lodoli, attraversa con delicatezza i pensieri di una donna come tante, scissa nel suo intimo tra paura e volontà, tra ambire e fuggire, tra lo stare e il desiderio di una vita diversa. Un racconto impalpabile e terreno al tempo stesso, che accompagna il pubblico a porsi quelle domande un po' scomode che sono annidate dentro di noi.

08
Dicembre
mercoledì
Roma Tre Orchestra – La musica italiana da Ermanno Wolf-Ferrari ai giorni d’oggi

Roma Tre Orchestra – La musica italiana da Ermanno Wolf-Ferrari ai giorni d’oggi

8 Dicembre h. 8:30 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

 E.Wolf-Ferrari: Quintetto per pianoforte in re bemolle maggiore op.6

A.Gilardino: Concerto di Asigliano per contrabasso e sette strumenti

M.Castelnuovo-Tedesco: Concerto n.1 per chitarra in re maggioreop.99
 

Matteo Bevilacqua, pianoforte,

Massino Ceccarelli, contrabbasso,

Giulio Tampalini, chitarra,

Sieva Borzak, direttore

09
Dicembre
giovedì
Kaspar (ovvero una tortura di parole)

Kaspar (ovvero una tortura di parole)

9 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

(In lingua tedesca con sopratitoli in italiano)

con Lea Barletti e Werner Waas

regia/produzione di Barletti/Waas

con il sostegno dell‘ ItzBerlin e.V.

e la collaborazione di Iacopo Fulgi e Harald Wissle

Kaspar è una rielaborazione di Peter Handke della misteriosa vicenda di Kaspar Hauser e prende spunto dalla frase di Kaspar „Vorrei diventare un tale come già un altro fu“ e muove dal proposito di dimostrare come una coscienza umana "vuota" possa essere riempita, e con ciò violentata, con l'esercizio di formule linguistiche convenzionali. Un suggeritore sottopone Kaspar a una vera e propria tortura di parole fino a quando acquista proprietà di linguaggio e comincia a ribellarsi. A quel punto il gioco si complica e non si sa più con esattezza chi è a condurre il gioco. 

10
Dicembre
venerdì
Kaspar (ovvero una tortura di parole)

Kaspar (ovvero una tortura di parole)

10 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

(In lingua tedesca con sopratitoli in italiano)

con Lea Barletti e Werner Waas

regia/produzione di Barletti/Waas

con il sostegno dell‘ ItzBerlin e.V.

e la collaborazione di Iacopo Fulgi e Harald Wissle

Kaspar è una rielaborazione di Peter Handke della misteriosa vicenda di Kaspar Hauser e prende spunto dalla frase di Kaspar „Vorrei diventare un tale come già un altro fu“ e muove dal proposito di dimostrare come una coscienza umana "vuota" possa essere riempita, e con ciò violentata, con l'esercizio di formule linguistiche convenzionali. Un suggeritore sottopone Kaspar a una vera e propria tortura di parole fino a quando acquista proprietà di linguaggio e comincia a ribellarsi. A quel punto il gioco si complica e non si sa più con esattezza chi è a condurre il gioco. 

11
Dicembre
sabato
Movie to music

Movie to music

11 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

Premio cinematografico

Progetto realizzato con il contributo del MIC/Direzione generale cinema e audiovisivo

da un'idea di Luca Aversano 

e Giandomenico Celata,

direzione artistica Paolo Casella

12
Dicembre
domenica
Aundience Revolution – Parlami Terra

Aundience Revolution – Parlami Terra

12 Dicembre h. 6:00 pm - 9:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

da un’idea di Federica Migliotti

una creazione di Damiano Ottavio Bigi, Chiara De Bonis, Federica Migliotti

con Chiara De Bonis

coreografie Damiano Ottavio Bigi

Elaborazioni sonore Valerio Camporini Faggioni

Costumi Anna Coluccia

disegno luci Raffella Vitiello

animatore oggetti di scena Anton De Guglielmo

regia Federica Migliotti

produzione Compagnia TeatroViola - Cranpi

con il sostegno di Spazio Vulkano - Ravenna Teatri, Casa Laboratorio di Cenci, Teatro Villa Pamphili, Teatro di Roma- Teatro Nazionale, Teatro Biblioteca Quarticciolo

Spettacolo vincitore del bando In Viva Voce promosso da Atcl Lazio

Tout public dai 4 anni

La notte è una foresta di pensieri e i più incredibili viaggi si compiono nel mondo dei sogni. 

In Parlami Terra si racconta il sogno di Gaia che viene ri-svegliata dalla madre di tutte le madri, la Madre Terra. Dal momento in cui inizierà a “parlarle”, Gaia non potrà più fare a meno di seguirla, facendo così esperienza del mondo e dei suoi elementi. Ed è una vera tempesta di emozioni quella che dovrà affrontare, fatta di scoperte, magie, sudore, fatica, gioia, spavento... Il futuro di Gaia — e quello di tutti noi — sono indissolubilmente legati ad un unico respiro, quello della Natura.

16
Dicembre
giovedì
Prometeo

Prometeo

16 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

da Eschilo

adattamento e regia di Patrick Rossi Gastaldi, 

con Edoardo Siravo e con Ruben Rigillo, Silvia Siravo, Gabriella Casali, Alessandro D'Ambrosi,

musiche originali Francesco Verdinelli,

produzione Associazione Culturale Laros di Gino Caudai

Dopo la rivolta di Zeus contro il padre Crono e la guerra che ne segue, Zeus si insidia al potere e annienta i suoi oppositori. Prometeo, per aver donato il fuoco agli uomini, subisce la sua collera e viene incatenato ai confini della terra nella regione della Scizia e il suo fegato sarà divorato in eterno da un’aquila famelica.   

Il dramma, interamente statico, mette in scena Prometeo di fronte a diversi personaggi divini, senza mai presentare un confronto diretto tra Zeus e il Titano.

La Centralità di Prometeo in tutta l’opera è costante: un ribelle contro Zeus e i nuovi Dei che piegano ogni cosa alla loro volontà. Il protagonista appare così portatore di un valore che non può non suscitare simpatia nello spettatore: la solidarietà verso agli uomini e la volontà di aiutarli a progredire facendo loro conoscere il fuoco.

L’identificazione del pubblico in Prometeo avviene in quanto il Titano, come l’uomo, aspira ad un “di più” che non gli è concesso. È un eroe confinato in un sistema di valori arcaici, dove l’ambizione a quel “di più” è considerata un atto intollerabile di superbia e tracotanza. 

L’adattamento tende ad essere più diretto possibile, senza però togliere alcuni misteri che le parole sanno suscitare, per incantare, sognare, pensare, senza sconvolgere pensieri aulici e poetici che l’autore ci tramanda.

Una domanda sorge ora, nel 2020: merita l’uomo questo supplizio atroce, senza pace e senza fine, che Prometeo, innamorato dell’umano, subisce?

“… Prometeo, è il padre che ti dice “buttati!” quando sei su un albero e tu lo fai, perché sai che se cadi lui ti prende, un padre che sa infondere coraggio e fiducia perché ne ha in noi… Prometeo è una figura antica e moderna perché ha coraggio, la virtù più ambita…”.

Da “Una SPA per l’anima” di Cristina Dell’Acqua

Patrick Rossi Gastaldi

17
Dicembre
venerdì
Prometeo

Prometeo

17 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

da Eschilo

adattamento e regia di Patrick Rossi Gastaldi, 

con Edoardo Siravo e con Ruben Rigillo, Silvia Siravo, Gabriella Casali, Alessandro D'Ambrosi,

musiche originali Francesco Verdinelli,

produzione Associazione Culturale Laros di Gino Caudai

Dopo la rivolta di Zeus contro il padre Crono e la guerra che ne segue, Zeus si insidia al potere e annienta i suoi oppositori. Prometeo, per aver donato il fuoco agli uomini, subisce la sua collera e viene incatenato ai confini della terra nella regione della Scizia e il suo fegato sarà divorato in eterno da un’aquila famelica.   

Il dramma, interamente statico, mette in scena Prometeo di fronte a diversi personaggi divini, senza mai presentare un confronto diretto tra Zeus e il Titano.

La Centralità di Prometeo in tutta l’opera è costante: un ribelle contro Zeus e i nuovi Dei che piegano ogni cosa alla loro volontà. Il protagonista appare così portatore di un valore che non può non suscitare simpatia nello spettatore: la solidarietà verso agli uomini e la volontà di aiutarli a progredire facendo loro conoscere il fuoco.

L’identificazione del pubblico in Prometeo avviene in quanto il Titano, come l’uomo, aspira ad un “di più” che non gli è concesso. È un eroe confinato in un sistema di valori arcaici, dove l’ambizione a quel “di più” è considerata un atto intollerabile di superbia e tracotanza. 

L’adattamento tende ad essere più diretto possibile, senza però togliere alcuni misteri che le parole sanno suscitare, per incantare, sognare, pensare, senza sconvolgere pensieri aulici e poetici che l’autore ci tramanda.

Una domanda sorge ora, nel 2020: merita l’uomo questo supplizio atroce, senza pace e senza fine, che Prometeo, innamorato dell’umano, subisce?

“… Prometeo, è il padre che ti dice “buttati!” quando sei su un albero e tu lo fai, perché sai che se cadi lui ti prende, un padre che sa infondere coraggio e fiducia perché ne ha in noi… Prometeo è una figura antica e moderna perché ha coraggio, la virtù più ambita…”.

Da “Una SPA per l’anima” di Cristina Dell’Acqua

Patrick Rossi Gastaldi

18
Dicembre
sabato
Prometeo

Prometeo

18 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

da Eschilo

adattamento e regia di Patrick Rossi Gastaldi, 

con Edoardo Siravo e con Ruben Rigillo, Silvia Siravo, Gabriella Casali, Alessandro D'Ambrosi,

musiche originali Francesco Verdinelli,

produzione Associazione Culturale Laros di Gino Caudai

Dopo la rivolta di Zeus contro il padre Crono e la guerra che ne segue, Zeus si insidia al potere e annienta i suoi oppositori. Prometeo, per aver donato il fuoco agli uomini, subisce la sua collera e viene incatenato ai confini della terra nella regione della Scizia e il suo fegato sarà divorato in eterno da un’aquila famelica.   

Il dramma, interamente statico, mette in scena Prometeo di fronte a diversi personaggi divini, senza mai presentare un confronto diretto tra Zeus e il Titano.

La Centralità di Prometeo in tutta l’opera è costante: un ribelle contro Zeus e i nuovi Dei che piegano ogni cosa alla loro volontà. Il protagonista appare così portatore di un valore che non può non suscitare simpatia nello spettatore: la solidarietà verso agli uomini e la volontà di aiutarli a progredire facendo loro conoscere il fuoco.

L’identificazione del pubblico in Prometeo avviene in quanto il Titano, come l’uomo, aspira ad un “di più” che non gli è concesso. È un eroe confinato in un sistema di valori arcaici, dove l’ambizione a quel “di più” è considerata un atto intollerabile di superbia e tracotanza. 

L’adattamento tende ad essere più diretto possibile, senza però togliere alcuni misteri che le parole sanno suscitare, per incantare, sognare, pensare, senza sconvolgere pensieri aulici e poetici che l’autore ci tramanda.

Una domanda sorge ora, nel 2020: merita l’uomo questo supplizio atroce, senza pace e senza fine, che Prometeo, innamorato dell’umano, subisce?

“… Prometeo, è il padre che ti dice “buttati!” quando sei su un albero e tu lo fai, perché sai che se cadi lui ti prende, un padre che sa infondere coraggio e fiducia perché ne ha in noi… Prometeo è una figura antica e moderna perché ha coraggio, la virtù più ambita…”.

Da “Una SPA per l’anima” di Cristina Dell’Acqua

Patrick Rossi Gastaldi

19
Dicembre
domenica
Prometeo

Prometeo

19 Dicembre h. 6:00 pm - 7:30 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

da Eschilo

adattamento e regia di Patrick Rossi Gastaldi, 

con Edoardo Siravo e con Ruben Rigillo, Silvia Siravo, Gabriella Casali, Alessandro D'Ambrosi,

musiche originali Francesco Verdinelli,

produzione Associazione Culturale Laros di Gino Caudai

Dopo la rivolta di Zeus contro il padre Crono e la guerra che ne segue, Zeus si insidia al potere e annienta i suoi oppositori. Prometeo, per aver donato il fuoco agli uomini, subisce la sua collera e viene incatenato ai confini della terra nella regione della Scizia e il suo fegato sarà divorato in eterno da un’aquila famelica.   

Il dramma, interamente statico, mette in scena Prometeo di fronte a diversi personaggi divini, senza mai presentare un confronto diretto tra Zeus e il Titano.

La Centralità di Prometeo in tutta l’opera è costante: un ribelle contro Zeus e i nuovi Dei che piegano ogni cosa alla loro volontà. Il protagonista appare così portatore di un valore che non può non suscitare simpatia nello spettatore: la solidarietà verso agli uomini e la volontà di aiutarli a progredire facendo loro conoscere il fuoco.

L’identificazione del pubblico in Prometeo avviene in quanto il Titano, come l’uomo, aspira ad un “di più” che non gli è concesso. È un eroe confinato in un sistema di valori arcaici, dove l’ambizione a quel “di più” è considerata un atto intollerabile di superbia e tracotanza. 

L’adattamento tende ad essere più diretto possibile, senza però togliere alcuni misteri che le parole sanno suscitare, per incantare, sognare, pensare, senza sconvolgere pensieri aulici e poetici che l’autore ci tramanda.

Una domanda sorge ora, nel 2020: merita l’uomo questo supplizio atroce, senza pace e senza fine, che Prometeo, innamorato dell’umano, subisce?

“… Prometeo, è il padre che ti dice “buttati!” quando sei su un albero e tu lo fai, perché sai che se cadi lui ti prende, un padre che sa infondere coraggio e fiducia perché ne ha in noi… Prometeo è una figura antica e moderna perché ha coraggio, la virtù più ambita…”.

Da “Una SPA per l’anima” di Cristina Dell’Acqua

Patrick Rossi Gastaldi

20
Dicembre
lunedì
Dante immortale 700 anni di vita

Dante immortale 700 anni di vita

20 Dicembre h. 8:30 pm - 10:00 pm
teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano
Roma, Lazio 00154 Italia

coordinamento Giuseppe Manfridi con Dario Pisano e Maria Teresa Martuscielli

+ Esporta eventi