Clicca per visualizzare la mappa
Quando:
23 novembre 2016@20:30
2016-11-23T20:30:00+01:00
2016-11-23T21:00:00+01:00
Dove:
Teatro Palladium
Piazza Bartolomeo Romano
8, 00154 Roma
Italia
Costo:
Gratuito
Contatto:
Biglietteria Teatro Palladium
327 2463456

sogni e favole io fingo

Serata di poesia

a cura di giuseppe leonelli

La serata del 23 novembre costituisce un viaggio attraverso la poesia italiana, durante il quale verranno letti e interpretati testi della nostra tradizione letteraria, a partire dal capolavoro della prima giovinezza di Dante, Guido ‘i vorrei che tu e Lapo ed io. Segue il sonetto proemiale al Canzoniere del Petrarca, un poeta che dal medioevo guarda verso di noi, presentandosi come il primo autentico inventore moderno della letteratura e di un suo correlato, il sentimento del tempo. Poi il Rinascimento in un momento di dolorosa opacità in una lirica di Della Casa in cui l’insonnia non sembra legarsi a una situazione contingente, ma a un male metafisico. Realtà e finzione si svelano due reciproci in una straordinaria lirica di Metastasio; Foscolo, in Forse perché della fatal quiete, inaugura una percezione della sera degna del romanticismo di Turner: quindi il Leopardi dolorosamente intimo, quasi stravolto di A se stesso, lo straordinario Pascoli di Patria che apre il Novecento di Montale, Caproni, Penna; due poetesse d’eccezione come Alda Merini e Gabriella Leto. E poi il finale.

Breve curriculum
Giuseppe Leonelli è docente di Letteratura Italiana all’Università di Roma Tre. Fra le sue pubblicazioni, opere di storia della critica (La critica letteraria in Italia, 1945-1994) , monografie (Giorgio Caproni. Storia di una poesia fra musica e retorica (Garzanti), e volumi di saggi, nonché il Dizionario della critica militante. Letteratura e mondo contemporaneo (Bompiani), scritto in collaborazione con Filippo La Porta. Ha curato Le grandi opere di Ugo Foscolo ( Newton Compton) e un Commentario penniano. Storia di una poesia (Aragno). Sta curando per l’editore Garzanti un’edizione commentata delle poesie di Guido Gozzano.

Locandina