Clicca per visualizzare la mappa
Quando:
6 maggio 2017@21:00
2017-05-06T21:00:00+02:00
2017-05-06T21:30:00+02:00
Dove:
Teatro Palladium
Piazza Bartolomeo Romano
8, 00154 Roma
Italia
Costo:
€10 intero | €5 studenti
Contatto:
Biglietteria Teatro Palladium
327 2463456

Et manchi pietà – Artemisia

 musiche di
L. Allegri, C. Monteverdi, G.M. Trabaci, G.B. Fontana, A. Falconieri,
L. Rossi, S. Landi, T. Merula, B. Strozzi, D. Castello 

adattate da Alessandra Rossi Lürig
eseguite da Accademia d’Arcadia concept,
riprese e scenografie Simone Derai, Moreno Callegari, Marco Menegoni
soggetto e regia Simone Derai
Un progetto Fondazione Arcadia, Anagoor
Produzione Fondazione Arcadia © 2012

Evocare per immagini una figura emblematica come quella di Artemisia Gentileschi, la cui produzione iconografica si legò fin da subito nell’immaginario collettivo agli scenari di una vita tempestosa e violenta, è una sfida. Concepire un apparato visivo che dialoghi in equilibrio con la musica antica senza imporsi come medium dominante è un’altra sfida. L’esplorazione di nuovi linguaggi performativi ad opera di Anagoor e di Accademia d’Arcadia ha raccolto la doppia sfida di evocare per immagini una figura emblematica come quella di Artemisia Gentileschi e, al contempo, di concepire uno spettacolo con la presenza di musica antica. Nasceva così nel 2012 al Festival MITO Et manchi pietà, opera in cui si fondono musica dal vivo e video art, in seguito replicata in varie sedi. In questo affresco di suoni e immagini tredici grandi quadri, tredici stazioni di vita, sposano altrettanti brani musicali di Monteverdi, Merula, Strozzi, Castello, Landi, Rossi, Falconieri, Fontana, Trabaci, Marini, traducendone l’umore melanconico o quello violento o quello esuberante, legandoli indissolubilmente ai temi pittorici della Gentileschi e ad un gesto artistico dalla potenza rabbiosa la cui eco è capace di permanere come un fantasma a distanza di secoli.
Ora lo spettacolo originario è diventato un’“opera cinematografica con prologo”. Uno spettacolo video visionario, come sempre sono le opere di Anagoor, che racchiude un concerto con la musica del tempo di Artemisia, musica che l’ensemble Accademia
d’Arcadia, diretto da Alessandra Rossi Lürig, ha in questo caso adattato e registrato appositamente.