progetto Intorno a Peggy Guggenheim

Woman before a glass (“Donna allo specchio”)

trittico scenico in quattro quadri di Lanie Robertson

traduzione Gloria Bianchi

regia Giles Smith

scene Stefano Macaione

costumi Stemal Entertainment Srl

con Caterina Casini

produzione Laboratori Permanenti

 

Peggy Guggenheim fu una donna capace di intuire il mondo che la circondava, coraggiosa, che credeva negli artisti su cui puntava anche se il resto del mondo ancora non sapeva riconoscere quelli che poi furono Pollock, Kandinsky, Mirò, Bacon, Ernst e tanti altri. Il progetto ci permette d’indagare come Peggy abbia difeso l’Arte; come, con apparente semplicità, abbia compiuto gesti eroici per salvarla. C’è una componente essenziale che Peggy trasmette al pubblico: la tensione che vive e si specchia nella certezza e nei ricordi; gli amanti, i colori, i pittori, i vestiti, il fumo, gli amici, le macchie, l’acqua, il dramma. Ogni momento viene rievocato dalla sua memoria rivivendo nei due blocchi scenografici. La tecnica del video-mapping permette di isolare parti di una superficie creando quindi una “mappatura” bagnata dalla video-proiezione.

 

L’interprete – Caterina Casini

Caterina Casini si diploma allo Studio Fersen di Arti Sceniche nel 1977.

È attrice regista e autrice, si occupa costantemente di didattica teatrale. Inizia subito il suo percorso di attrice con le regie brechtiane di Gian Carlo Sammartano. Studia e lavora a Parigi con Carlo Boso, maestro di commedia dell’arte, e tra gli altri coi  registi  Aldo Trionfo, Tonino Conte, Marco Mattolini, Emanuela Giordano, Mariano Rigillo, Walter Manfrè, Maurizio Panici, Giles Devere Smith. Studia regia per opera lirica al centro studio Ferruccio Busoni di Empoli, con Virginio Puecher.

Nel 1988 approda in televisione con Renzo Arbore e inizia il suo lavoro sulla comicità per la tv, la radio e il teatro, come autrice e interprete.

In cinema e televisione ha lavorato tra gli altri con i registi Marco Ferreri, Marco  Mattolini, Mazzacurati, Guido Chiesa, Stefano Pasetto, Carlo Vanzina.

Nel 2001 Fonda col comune di Sansepolcro, la Scuola Comunale di Teatro, istituzione divenuta realtà importante di Sansepolcro e ne assume la direzione didattica e artistica.

Nel 2003 fonda l’ associazione Laboratori Permanenti, nel 2009 ottiene la trasformazione dell’ex ospedale di Sansepolcro in teatro, nel 2013 lo spazio viene  inaugurato come Teatro Alla Misericordia di Sansepolcro, e ne assume la co-direzione artistica.

 

Collaborazioni e incarichi attuali

Co-Direzione artistica  Teatro Alla Misericordia (nuovo teatro comunale) di Sansepolcro, multi-residenza artistica di Sansepolcro, finanziata da Regione Toscana, MIBAC e Comune di Sansepolcro.

Direzione artistica e didattica Scuola Comunale di Teatro di Sansepolcro.

Membro consiglio direttivo ApTI- associazione per il Teatro Italiano.

Socio fondatore  associazione 100autori.

 

L’artista – Stefano Macaione

Diplomato all’Istituto Statale d’Arte di Cefalù in “Arte dei metalli e dell’oreficeria”. Successivamente decide di iscriversi all’Accademia di Belle Arti di Firenze per seguire il corso di “Grafica d’Arte”. Qui alimenta la sua passione per l’arte visiva sperimentando tecniche incisorie e stampa d’arte. Il suo interesse per la  comunicazione e il design lo indirizzano al biennio specialistico dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (ISIA) di Firenze, dove frequenta il corso di “Design della Comunicazione”.

 

Mostre, riconoscimenti, premi e progetti

Mostra fotografica Maratona Fotografica Fnac, Firenze 2010, esposizione tra i finalisti, primo posto nazionale.  Mostra itinerante Fashion in Paper, Triennale Milano 2011; esposizione Wedding Rice Box gioielli e accessori moda di carta. Mostra itinerante Fashion in Paper, Istituto italiano di Cultura Madrid 2011. Mostra Itinerante Fashion in Paper, Roma 2011. Collettiva StartPoint Accademia, Firenze 2012. Concorso Fondazione Telecom Italia- Riportiamo alla luce i beni invisibili, primo sezione grafica. Borsa di Studio Kiss&Kill- Gruppo Marchon, Firenze 2013. Collettiva Viaggi Sensoriali, Firenze 2014. Tesi Triennale “Facciasciutta- Di che pasta sei fatto?”, due spot promozionali, tecnica stop-motion per il Pastificio Tommasello, Firenze 2013. Near Future Design “Aziende impossibili e Nanotecnologie”, ATUM innovativo prodotto che permette d’indossare le emozioni, Firenze 2013. Web Site spazio d’arte espositivo Liebig12, Berlino 2013. Collaborazione per la creazione di Satyricon, workshop olfattivi per il nuovo profumo Coming Purfumery, Fiera internazionale della profumeria artistica Esxence, Milano 2015. Tesi Specialistica “Are You Happy With Yourself? Yes!”, Campagna Social sulla felicità, Firenze 2016.

 

 

Il regista – Giles Stjohn Devere Smith

Regista britannico, si è formato all’importante scuola londinese Guildhall School of Music And Drama.

Ha collaborato con importanti registi britannici al National Theatre di Londra, come Trevor Nunn, Richard Eyre, Declan Donnellan e Howard Davies.

Ha collaborato con Patrick Marber alla messa in scena teatrale del noto testo “Closer”, debuttando al National Theatre nel 1996 e nel West End, dove lo spettacolo ha replicato per due anni consecutivi.

È stato regista a Londra e a New York di numerose opere shakespeariane, tra cui Macbeth, Come vi piace, Re Lear e Re Giovanni.

Ha lavorato con grandi attori come Judy Dench, Vanessa Redgrave, Ewan McGregor, Ralph Fiennes, Paul Scofield, in film con Eddie Murphy a Los Angeles e in Italia con Pamella Villoresi, Vanessa Gravina, Bruno Armando e Sabina Vannucchi.

Ha insegnato come regista alla Guildhall  School e alla Montview Accademy di Londra.
In Italia collabora con lo Stabile delle Marche, la Scuola Internazionale La Cometa di Roma, il Centro Sperimentale di Cinematografia, la compagnia Laboratori Permanenti.

3 febbraio
18:00

Acquista