Regia di Teatro tascabile di Bergamo

con Alessia Baldassari, Tiziana Barbiero, Antonietta Fusco, Ruben Manenti, Alessandro Rigoletti, Caterina Scotti

Uno spettacolo-dimostrazione sull’arte dell’attore tra Oriente e Occidente.
La cultura scenica contemporanea ha definito una nuova categoria epistemologica, l’Antropologia teatrale.
Nata sul ceppo grotowskiano del “corpo” come strumento primario di espressione teatrale si è in seguito sviluppata nutrendosi essenzialmente del lavoro artistico di Eugenio Barba e delle riflessioni metodologiche elaborate dall’ISTA (International School of Theatre Anthropology). La sua principale caratteristica, sullo sfondo della storia e del costume teatrale europeo e italiano, consiste essenzialmente nel privilegiare l’aspetto della “esecuzione” dello spettacolo (con particolare attenzione all’arte dell’attore) rispetto all’importanza assegnata al momento verbale e testuale. La proposta di lavoro teatrale del TTB consiste nell’approccio a questa
nuova categoria e sensibilità culturale. Si tratta di indagare il passaggio storico dallo spettacolo come “traduzione” essenzialmente vocale di un testo “teatrale” alla sua natura di composizione organizzata di “energia” attoriale, alla messa in forma concertata di stimoli più esplicitamente sensoriali in cui risiede la caratteristica del più consapevole teatro contemporaneo.
All’interno di questa cornice di riferimento “Fuochi d’Artificio” costituisce un’opera dalla struttura aperta che (come il titolo suggerisce) mette in evidenza la bipolarità che caratterizza il fatto artistico e quello teatrale in particolare. Da una parte l’energia primaria e la forza istintiva, dall’altra la misura tecnica che le controlla e le modella: quello che etimologicamente viene infatti espresso nella parola
arte. Lo spettacolo si compone di una serie di brani teatrali di fattura disparata collegati da testimonianze visive e da una serie di introduzioni e commenti esplicativi.

Fotografia di Federico Buscarino

TTB TEATRO TASCABILE DI BERGAMO

Il TTB Teatro tascabile di Bergamo – Accademia delle Forme Sceniche è stato fondato nel 1973 da Renzo Vescovi. Da oltre vent’anni ha sede nel monastero del Carmine, dove svolge la sua attività di teatro-laboratorio: dall’indagine attorno al teatro di ricerca contemporaneo e la drammaturgia dell’attore, al teatro in spazi aperti, al teatro-danza orientale, dedicando una costante attenzione alla trasmissione del proprio sapere alle nuove generazioni.  La caratteristica precipua del Teatro tascabile di Bergamo è quella di essere un “Teatro di gruppo”, lo contraddistingue infatti un lavoro che si svolge su un piano di interazione complessiva dei suoi membri, secondo il costume delle botteghe d’arte rinascimentali. In 45 anni di attività nazionale ed internazionale ha realizzato o prodotto 119 spettacoli presentati in Italia e in 43 paesi di 4 continenti.

3 aprile
21:00

Acquista